Vin brule e pinza, festeggiando il panevin 2018

La festa dell’Epifania tutte le feste porta via e, dopo aver svuotato la calza della Befana, impacchettato le luminarie,  raccolto le palline e riposto l’albero di Natale sintetico, non resta che correre a festeggiare il panevin.

Si tratta di una tradizione di origine contadina, nel giorno della Befana i contadini preparavano una pirola di sterpaglie e poi facevano un bel falò, tutti si riunivano a guardare dove il vento spingeva il fumo perché la direzione indicava se sarebbe stata una buona annata di raccolto. “Se il fumo va verso la montagna l’anno sarà una cuccagna, se va verso il mare ci sarà da penare”. Ma per scaldarsi nelle gelide giornate di inizio anno non basta il falò,  prima ci si carbura con un bicchiere di Vin brûlé caldo e una fettina di pinza, il dolce tipico veneto della Befana.

Quest’anno sono stata a vedere il panevin 2018 alla rocca di Noale, nel veneziano, una cornice davvero suggestiva.

panevin 2018 rocca di Noale - Venezia

Vin brule e pinza imperdibili e a prezzi modici: appena 2 euro per un bel bicchiere di vino rosso aromatico fumante.

panevin2018 prezzi vin brule e pinza

C’era molta attesa per il falò, finalmente lo accendono con le torce, tutti con il naso all’insù a scrutare da che parte sarebbe andato il fumo… E niente, non ci sono stati dubbi: il fumo puntava dritto verso Chioggia, verso il mare. Non ci resta altro che rimboccarci le maniche.

panevin 2018 brindisi con vin brule a Noale

Buon 2018 a tutti!

La foto della pirola con la rocca di Noale sullo sfondo è della mia amica pittrice Barbara (barbara-furlan.tumblr.com)

Leggi anche: Come fare il Vin brûlé, Come fare la Pinza della Befana

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *